Curiositá Storia

La dominazione Francese a Rovigo – Prima parte

Napoleone, a capo della Dominazione francese

Abbiamo affrontato nei nostri precedenti articoli, due delle più importanti dominazioni che il Polesine e la città di Rovigo hanno subito. Quella Estense e quella Veneziana. Sono state lunghe e sanguinose, inframezzate da eventi atmosferici importanti come le varie “rotte” dell’Adige che hanno contribuito a caratterizzare la presenza di tutte e due le dominazioni. Entrambe hanno lasciato molto alla città, in termini di usi ed in termini architettonici. Basta, ad esempio, pensare alla annuale Fiera d’Ottobre, risalente al periodo della dominazione Veneziana o, ad esempio, alla colonna col Leone di San Marco, anch’essa contestualizzata in quel periodo storico. Altri sono stati, ovviamente, i lasciti e per questo vi rimandiamo alla lettura dei nostri articoli.

La dominazione Francese

Il primo governo francese del Polesine dura ufficialmente dal 12 maggio del 1797 al 24 novembre dello stesso anno. Poco più di sei mesi in tutto, che però bastarono a rendere sgraditi gli occupanti alla maggior parte dei rodigini. La città perde la sua autonomia amministrativa passando alle dipendenze del governo provvisorio di Padova. Quello che per molta parte della popolazione fu inaccettabile riguardò il dover fare i conti con una presenza (massiccia ed arrogante) di personaggi che avevano comportamenti ed atteggiamenti molto ostili nei confronti della Chiesa.

Il convento degli Olivetani, soppresso durante la Dominazione francese

Da subito, infatti, inizia la spoliazione degli edifici sacri. Il 21 Agosto viene infatti emanato il decreto di soppressione dei conventi di San Francesco e San Bortolo. Esso viene reso esecutivo il successivo 10 ottobre malgrado i tentativi della popolazione di opporvisi. Logica conseguenza fu che chiese e conventi vennero privati di tutto quanto loro rimaneva. Il 19 ottobre Napoleone firmava il trattato di Campoformio. Con esso cedeva all’Austria il territorio della Repubblica di Venezia. Il 16 novembre, tuttavia, il governo centrale metteva all’asta gran parte dei beni dei Francescani e degli Olivetani di Rovigo.

L’arrivo degli Austriaci e il ritorno dei Francesi

Nessuno viene colto da meraviglia se quando arrivano gli Austriaci, nel 1798, la maggioranza della popolazione polesana li saluta come salvatori. Il nuovo governo si limita a ripristinare la situazione anteriore al 1796. Rovigo torna quindi ad avere una propria autonomia amministrativa e i Francescani e gli Olivetani rimangono nei loro conventi. La situazione europea è tale da permettere soltanto l’ordinaria amministrazione. Il problema che assorbe ogni energia a tutte le potenze europee conservatrici è costituito dalla Francia e da Napoleone in particolare. Il tentativo di sconfiggere il Bonaparte, approfittando del suo impegno militare in Egitto, si risolve con un completo fallimento.

La chiesa di San Francesco con annesso convento, soppresso durante la Dominazione francese

 

Il 18 gennaio del 1801 i Francesi tornano ad occupare militarmente Rovigo. Tre settimane dopo, con la pace di Luneville, il Polesine è annesso alla Repubblica Cisalpina. Si costituisce dunque un distretto del Dipartimento del Basso Po il cui capoluogo era Ferrara. La subordinazione a Ferrara rimane anche nelle riorganizzazioni amministrative seguenti, avvenute tutte nel giro di pochi anni. Anche in questo senso, il governo Napoleonico, mostra la sua differenza radicale rispetto al governo veneto che, per molto tempo, aveva invece lasciato i sudditi in una rassicurante monotonìa. E’ facile intuire, dunque, il grande rimpianto che il governo veneto ha da parte dal clero e da grandissima parte della classe dirigente cittadina.

 

Fonte : Rovigo, ritratto di una città. Foto: Polesine Sport, Consigli.it, Diocesi Adria-Rovigo.

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada.
Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.

La dominazione Francese a Rovigo – Prima parte ultima modifica: 2019-06-13T11:11:54+02:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top