Arte

La Loggia dei Notari – In centro città un prezioso angolo di fascino

19523,19286,19169,19162,19142

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Il fascino non si può certo dire che manchi alla nostra Rovigo. Uno dei luoghi più suggestivi e carichi di trasporto emotivo per chiunque vi passeggi sotto, è sicuramente la Loggia dei Notari. Mi correggo, questo è il mio luogo preferito e non posso imporvelo, però posso provare a colpire la vostra immaginazione.

È il luogo di Rovigo che più mi incuriosisce, donandomi stupore per la sua bellezza, ma anche una strana sensazione di malinconoia e nostalgia. Probabilmente il suo mistero è dato dal gioco armonioso degli archi e delle travi a vista. La meravigliosa scala esterna in marmo sembra terminare nel nulla. Tale gradinata è circondata da forti mura con pietre a vista.

Nell’attraversarla, subito si diffonde in me una sorta di paralisi momentanea, in cui il mio cervello sembra bloccarsi. Il fiato diventa corto e mi capita di immaginarmi talvolta vestita da dama dell’Ottocento con tanto di ombrellino ripara sole plissettato. Altre da piccola fiammiferaia squattrinata che chiede l’elemosina, magari con il volto sudicio e una fame atavica. Infine immagino scendere le scale da generale pazzo che impartisce ordini su ordini a chiunque gli capiti a tiro!

Ad ogni modo la sensazione chiara, ben definita e ricorrente che pervade la mia mente è proprio che in questo luogo molte persone si scambiarono segreti importanti e indicibili. Decidendo sicuramente le sorti di Rovigo. Immagino però anche uomini e donne che lì sotto si ritrovavano fugacemente per sussurrarsi luoghi e giorni di incontri clandestini, sfiorandosi le mani nel tentativo di trovare una momentanea connessione fra loro, magari scambiandosi velocemente qualche “pizzino”.

La costruzione della Loggia

La Loggia dei Notari

Questo luogo, così incantevole, ha subito numerosi interventi di ristrutturazione negli anni.

La loggia venne costruita con ogni probabilità nel 1428 visto che il 29 novembre 1429 furono presentati gli statuti cittadini e viene menzionata in questi. Oggi è sede del Municipio e si affaccia sulla nostra “Piazza Grande” ovvero Piazza Vittorio Emanuele II. Il suo nome deriva dal fatto che i notai si ritrovavano nel salone per svolgervi le proprie funzioni.

Nel 1765 venne rifatta anche la balaustra, che si trova sopra le due arcate frontali, e vennero aggiunte le vetrate di ben 9 finestroni qualche anno più tardi. Al centro di questa balaustra c’è la Vergine col Bambino in marmo bianco, che porta ancora il nome del suo autore ai suoi piedi: il veronese Giulio Mauro. La statua è sormontata dallo stemma comunale e al di sotto di essa invece si trova una lapide commemorativa in onore di Dante Alighieri.

La loggia dei Notari è sempre stata luogo di potere e Francesco Saverio Bartoli l’aveva poeticamente soprannominata “la loggia degli incanti”. Fu anche sede del Corpo di Guardia in epoca austriaca fino al 1854. La sede poi si trasferì nell’edificio appositamente costruito al capo opposto della piazza: l’attuale palazzo del Corpo di Guardia.

All’interno della loggia sono presenti affreschi di straordinaria importanza come il Cristo morto e la pietà con San Pietro e Sant’Andrea (all’interno di quella che al tempo era “residenza dei regolatori”). Da qui provengono pure la tela Due provveditori alle vettovaglie in adorazione della Vergine e san Francesco d’Assisi e San Bellino e un basso rilievo ligneo con San Bellino e San Francesco, protettori della nostra Rovigo.

Infine voglio raccontarvi una curiosità che tutti i rodigini conoscono e che sicuramente i più superstizioni non sottovaluteranno: mai passare sotto l’Arco dei bocciati, che si trova appunto sotto la Loggia. Se siete studenti o dovete  sostenere qualsiasi forma di esame, state molto attenti perché la pena è la bocciatura.

Prestate attenzione dunque.

Ringraziamo, per la foto al centro dell’articolo, Rossella Ferrati.
Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

La Loggia dei Notari – In centro città un prezioso angolo di fascino ultima modifica: 2018-01-17T11:00:02+00:00 da Sibilla Zambon

Commenti

La Loggia dei Notari – In centro città un prezioso angolo di fascino
To Top