Curiositá

Le infinite meraviglie del Delta del Po: Oasi Ca’ Mello

Oasi Ca' Mello
19286,19162

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Oggi faremo un salto in una zona semplicemente straordinaria, che si affaccia sulla Sacca degli Scardovari: l’Oasi di Ca’ Mello. Ovviamente si trova nel Parco Regionale Veneto del Delta del Po. Precisamente nella parte sud, nell’omonima frazione di Porto Tolle. Un giro turistico che si può fare in vari modi: a piedi, pedalando o navigando. Il mio consiglio è sempre quello di affidarsi, almeno per la primissima volta, ad una guida ambientale che ci permetterà di conoscere meglio il territorio. I colori sono i protagonisti insindacabili di questo habitat. Un tempo questo luogo era attraversato da un ramo del Po, quello di Camello, scomparso ormai da circa un secolo. Il nome della frazione in cui nasce l’oasi deriva proprio dal fatto che il fiume, facendo due enormi gobbe, assomigliava ad un cammello. Come tipico di quest’area, gli interventi di bonifica hanno reso fertili i terreni, trasformando gli acquitrini e le paludi in risaie.

Una bellezza mozzafiato

10009890 607239629363097 1259802910 N 10365884 1083780234970503 886298640360055767 N
Foto da Facebook da sinistra di: Patrizia Boscolo, Menotti Passarella.

Trattasi di un ambiente ricco di flora e fauna dove, non solo è possibile ammirare tutto ciò restando quasi certamente a bocca spalancata, ma anche godere della quiete e pace che la Natura, con i suoi tipici suoni, ci offre. Un totale relax fisico e psichico. Zona umida d’acqua dolce, dove troviamo numerosi uccelli, tra cui la garzaia, e parecchi arbusti come il Prugnolo o la Rosa canina. Non mancano di certo i tipici canneti che rendono il tutto caratteristico. Il centro e il punto ristoro  dell’oasi vi aspettano ogni sabato e domenica dal 15 marzo al 15 giugno e, dopo una pausa estiva, riaprono dal 1° settembre al 31 ottobre e su prenotazione tutto l’anno, per gruppi di minimo 10 persone. L’entrata è libera, ma ovviamente bisogna rispettare le regole vigenti per tutelare l’ambiente e preservarlo da eventuali danni.

Alle 15:00 di ogni domenica dei mesi in cui la struttura è aperta vi è la possibilità di fare escursioni con guide preparate e competenti che ci accompagnano alla ricerca di specie diverse di passeriformi, camminando lungo il tragitto che porta al Bosco della Donzella per farci conoscere erbe e fiori locali. Possibile anche prenotare visite con bici e barche.
Seguiranno altri tipi di appuntamenti con varie attività proposte, decisamente particolari e suggestive. Prossima data da segnare per conoscere in un modo alternativo il Delta è il 16 Settembre con “La pedalata dei sapori“. Si andrà alla scoperta di piatti tipici ma anche delle tradizioni e della cultura che caratterizzano la zona con varie tappe lungo il tragitto. Una sorta di staffetta composta da 5 fermate. Ritrovo in piazza a Porto Tolle (Rovigo) per le 10:00. Ricordatevi di prenotare.

17201110 1899920990253158 7905081378314021212 N
Foto da Facebook Gigi Florida Maistro.

Quando andare

Visitare il Delta del Po in autunno deve essere qualcosa di davvero spettacolare. I classici colori che caratterizzano il clima di quel periodo mescolati con la regina madre e padrona indiscussa del nostro Polesine: la nebbia. Nonostante tutto lei resta un elemento affascinante e misterioso della nostra Terra. Ovviamente negli ambienti umidi, sarà la protagonista romantica di molte giornate, aggiungendo carattere a zone che già di per sé sono particolari nei loro fantastici scenari. Solitamente, ad una certa ora della giornata, la nebbia si alza per lasciare il posto ad un paesaggio rurale di pianura. Lo sguardo viaggerà fino a perdersi all’orizzonte, incontrando, di tanto in tanto, una casa.

 

Fonte siti www.aqua-deltadelpo.com, www.deltaportotolle.it. Foto copertina da Facebook Visit Delta (di Maria Burgato).

 

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Le infinite meraviglie del Delta del Po: Oasi Ca’ Mello ultima modifica: 2018-09-14T09:55:12+00:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top