Cibo Noi rodigini Tradizioni

La tradizione del pane in Polesine – La ricetta del Pan Biscotto casalingo

Pan Biscoto

I greci avevano assegnato un formidabile valore simbolico a quest’alimento, convinti com’erano che i popoli civili si distinguessero dai barbari per cultura. Scomodarono persino una dea “Demetra” e le assegnarono la responsabilita’ della fertilita’ e dell’abbondanza dei raccolti cerealicoli dalla cui trasformazione dipendeva la sopravvivenza e il benessere degli uomini. Pochi e genuini gli ingredienti. Farine di grano tenero, acqua, olio o strutto, lievito e sale e si lascia riposare e lievitare l’impasto in luogo protetto, un’oretta. Arricchendo il composto con fragranti ciccioli e rosmarino trito ed ecco “ i coari o la pinza onta” un pane aromatizzato, emblema polesano.

Aggiungendo semplicemente al composto della polenta sbriciolata ed ecco le “tirote“ un pane vellutato, oppure della cipolla sfrigolata nell’olio certi che la casa tutta profumera’ di buono. Si puo’ arricchire con uova latte e zucchero e ne esce un pan dolce che odora di brioches, ottimo per la colazione. Se poi si lascia distrattamente cadere qualche chicco d’uva passa si otterrà una vera leccornia. Da leccarsi i baffi.

Il pan biscotto casalingo

Pan Biscotto

Il pane biscotto, vanto del Polesine, famoso quello di Loreo o di Villadose, dove la cenere e’ testimone di una notte trascorsa assieme ad asciugarsi nel forno spento, ma ancora caldo. Ed infine la ciabatta polesana un prodotto di recente origine ma di gusto celebrato. Questo pane oggi diffuso in tutta Italia è nato nel 1982 grazie alle farine ricche di glutine lanciate sul mercato da Arnaldo Cavallari. La farina forte di grano tenero è impastata con l’acqua e sale, lievito maturale e olio d’oliva; al termine di una lunga fermentazione si procede alla modellatura di filoni schiacciati, che sono incisi con tagli obliqui. Si procede quindi all’infornata. Il prodotto finito è basso, croccante, con una mollica ben alveolata. Con lo stesso impasto vengono confezionati dei piccoli pani soffiati detti zoccoletti, del peso approssimativo di 120 grammi. Invitiamo perciò ad assaggiare la famosa ciabatta polesana, un pane gustoso e saporito coperto di nobili farine, accompagnandola magari a qualche formaggio fresco locale o a succulenti insaccati.

Pan Biscotto Casalingo, ingredienti:
– 500 grammi di farina 0;
– 20 grammi di lievito;
– 1 cucchiaio di strutto;
– 1 cucchiaio di olio evo;
– 15 gr di sale;

Procedimento

Lavorate la farina con il lievito e poca acqua; incorporate strutto, olio, sale e ancora acqua, ma in quantità minima: l’impasto dovrà risultare molto asciutto e dovrà essere lasciato in un luogo tiepido a raddoppiare di volume. Ci vorrà un pezzo, perché il tempo di reazione della pasta si allunga quanto più essa è asciutta. Allungatela quindi in un filone e tagliatela a fette; sagomate ciascuna di esse a forma di cornetto, che si potrà anche chiudere a ciambella.

Fare ancora lievitare i pani, quindi infornateli a 200 °C fino a raggiungere i tre quarti della cottura; estraeteli dal forno e abbassate la temperatura a 120 °C. Infornateli nuovamente e terminate di cuocerli. Manteneteli nel forno caldo aperto sino al raffreddamento dello stesso, in modo che si biscottino.

Foto: Biscopan, Oggi.it, Fonti: Polesineterratraduefiumi

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada.
Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.

La tradizione del pane in Polesine – La ricetta del Pan Biscotto casalingo ultima modifica: 2018-12-03T10:07:20+00:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top