Vedere la musica. L'arte dal Simbolismo alle avanguardie - itRovigo

itRovigo

News Storia, Arte e Cultura

Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle avanguardie

Vedere La Musica Ridim.per Evidenza

Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle avanguardie. Presentato a Palazzo Roverella il nuovo evento culturale della città di Rovigo.

vedere la musica
Palazzo Roverella, Rovigo – sede della mostra/evento Vedere la musica. L’arte dal simbolismo alle avanguardie

Un nuovo grande evento culturale apre i battenti a palazzo Roverella. E’ stata presentata in diretta streaming, la mostra: Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle avanguardie.
Il tema dei rapporti tra la musica e le arti visive nell’età contemporanea ha conosciuto infatti negli ultimi decenni, una rinnovata fortuna critica; ma non è stato oggetto di mostre importanti; nessuna che fosse in grado di presentare l’argomento nei suoi aspetti fondamentali.  Ma a colmare questa lacuna interviene la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo; in collaborazione perciò, con l’Accademia dei Concordi e il Comune di Rovigo; questa grande mostra a Palazzo Roverella sarà fruibile per il periodo che va dal 26 aprile al 4 luglio; l’evento è affidato alla curatela di Paolo Bolpagni, storico delle arti.

Locandina vedere la musica


La mostra quindi racconta la lunga storia di relazioni, intrecci e corrispondenze tra l’elemento musicale e le arti visive. Mediante quindi le proposte di esempi emblematici di entrambe le arti; viene a crearsi così, una mostra-spettacolo assolutamente accattivante.

Vedere la musica. La presentazione della mostra in diretta streaming

Un evento attesissimo – ha detto il sindaco Edoardo Gaffeo in occasione della presentazione, tenutasi a palazzo Roverella e in diretta streaming – che segnala la ripartenza dopo mesi molto complicati, che la nostra città ha vissuto insieme a tutto il Paese. Una proposta che dal punto di vista culturale completa la straordinaria qualità delle iniziative portate avanti dalla Fondazione Cariparo; in particolare nell’ambito delle mostre di palazzo Roverella. E’ una mostra coraggiosa; mette insieme mondi duramente colpiti in questi mesi. E’ un segnale importantissimo; facciamo ripartire la nostra città; e diamo una speranza a tutte le persone che hanno sofferto in maniera particolare; cioè chi lavora nell’ambito del teatro e della musica; ma anche delle arti visive. Oltre al sindaco Gaffeo erano presenti: Gilberto Muraro, presidente della Fondazione Cariparo; Giovanni Boniolo, presidente dell’Accademia dei Concordi; Paolo Bolpagni, curatore della Mostra.

Bolpagni Paolo W
Paolo Bolpagni, storico delle arti – Foto: Wikipedia

Vedere la musica: l’intreccio tra musica e arti visive

La mostra quindi racconta le relazioni e gli intrecci tra l’elemento musicale e le arti visive. A partire dall’affermazione, alla fine del XIX secolo, in tutta Europa, di un filone pittorico ispirato alle opere di Richard Wagner.

Richardwagner Wik vedere la musica
Richard Wagner – Foto: Wikipedia

Nel 1902 la Secessione di Vienna dedica una mostra a Ludwig van Beethoven. Con l’arrivo delle avanguardie, poi, soprattutto dagli anni Dieci del Novecento, i suoni di Johann Sebastian Bach diventano modello per la pittura di Vasilij Kandinskij e Paul Klee; ma anche di František Kupka, Félix Del Marle, Augusto Giacometti e molti altri. E via via, passando per il Cubismo, il Futurismo, il Neoplasticismo; per arrivare fino al Dada e al Surrealismo; la musica si conferma un riferimento assoluto; diviene centrale in Kandinskij e Klee, non meno che per altri protagonisti delle avanguardie europee. Esempi emblematici di questa fusione delle arti creano così, una splendida mostra-spettacolo.

vedere la musica Composizione Di Kandinskji Wik
Composizione 1916 – Opera di Kandinskij – Foto: Wikipedia
Palloncino Rosso Klee
Palloncino rosso 1922 – Paul Klee – Foto: Wikipedia

Il Simbolismo

Il simbolismo è un movimento culturale sviluppatosi in Francia nel XIX secolo; si manifestò nella letteratura, nelle arti figurative e nella musica. Nelle arti figurative il simbolismo nasce in accordo con le teorie e i lavori dei neo-impressionisti; e soprattutto per quanto riguarda la rappresentazione di soggetti ispirati dalla natura a cui i simbolisti attingono fermamente. Scopo dei simbolisti è quello di superare la pura visività dell’impressionismo; e cercando nel contempo, di trovare delle corrispondenze tra mondo oggettivo e sensazioni soggettive.

Le Avanguardie artistiche

L’esordio del XX secolo vide l’affermazione in meno di un decennio, dal 1905 al 1911, di ben quattro movimenti artistici: Espressionismo, Cubismo, Futurismo e Astrattismo; questi erano accomunati dalla volontà di ricercare nuove strade e nuovi strumenti espressivi; e anche di mettere in discussione secolari convinzioni estetiche. Ad essi si aggiunse, nel 1916, un quinto movimento, il Dadaismo; quest’ultimo si caratterizzò per i suoi aspetti provocatori e radicali.


Vedere la musica. L’arte dal Simbolismo alle avanguardie ultima modifica: 2021-04-30T08:30:00+02:00 da Elisa Padoan

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Muy interesante.

To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x