Il Festival Antichi Organi al Tempio La Rotonda di Rovigo - itRovigo

itRovigo

Eventi Storia, Arte e Cultura

Il Festival Antichi Organi al Tempio La Rotonda di Rovigo

Callido La Rotonda

Festival Antichi Organi del Polesine 2021Un patrimonio da scoprire ed ascoltare – Edizione XVIII

Locandina 61bcd2e22b5c5

Sabato 18 dicembre, alla Rotonda di Rovigo, concerto finale Festival Antichi Organi del Polesine; Organo Nicola Cittadin; soprano Marina Bartoli

Il Festival Antichi organi e il trionfo barocco al Tempio della Rotonda

La rassegna Antichi Organi chiude i battenti col Callido più storico del Polesine.

Il Festival Antichi organi del Polesine edizione 2021, si appresta a chiudere i battenti con la musica barocca dell’organo di Gaetano Callido, opera 34 del 1767, il più antico di tutta la provincia. Appuntamento imperdibile, dunque, col concerto per organo e voce soprano di sabato 18 dicembre, alle 21, al Tempio La Rotonda di Rovigo. Alla consolle del prezioso strumento quindi, l’organista Nicola Cittadin, direttore artistico del festival e docente d’organo al Conservatorio di Udine; in assolo e concertato con la voce soprano di Marina Bartoli; è docente di Musica vocale da camera al Conservatorio Venezze di Rovigo.

Nicola Cittadin Foto
L’organista N. Cittadin
il festival
M. Bartoli, voce soprano

Ingresso libero e gratuito con mascherina. Obbligo di Green pass rafforzato.

Il Festival è organizzato da Asolo musica

Il concerto è l’ultimo appuntamento del Festival Antichi organi, organizzato da Asolo musica, il contributo della Regione del Veneto ed anche il patrocinio del Mic, nell’ambito del circuito concertistico regionale Cantantibus organis; gode del patrocinio della Diocesi di Adria Rovigo e della Provincia di Rovigo, la partnership del Comune di Rovigo e la preziosa collaborazione del Sindacato del Tempio La Rotonda.

il festival

L’organo della Rotonda e le sue potenzialità

Il programma musicale va ad esaltare tutte le potenzialità dell’organo della Rotonda; è un trionfo barocco di brani, anche poco noti, appositamente composti per organo e coevi all’opera numero 34 di Gaetano Callido (1727 – 1813), l’organaro più famoso della Scuola veneta, cui furono commissionati qualcosa come 430 organi a canne, disseminati per tutti i territori allora soggetti alla Repubblica di Venezia, e perfino nella Romagna e nelle Marche.

Il Festival
L’organo del Tempio La Rotonda, opera dell’organaro veneziano G. Callido

Un programma straordinario

L’avvio è con l’organo solo in Carillon o campane di Dandrieu, organista e compositore francese, nel cui brano si sente la voce dello strumento che emula il suono delle campane. Seguono due arie di Händel in concerto col soprano solo He shall feed His flock e How beautiful are the feet, entrambe dall’Oratorio Il Messia; inoltre, tre brani di Bach Schafe können sicher weiden, dalla cantata Bwv 208; Lass uns o hochster Gott, dalla cantata Bwv 41; Sinfonia dalla cantata Wir danke dir Gott, Bwv 29, quest’ultima originariamente per organo ed orchestra è adattata appositamente per gli organi Callido). 

Gletle, Vivaldi e Morandi

Da evidenziare la piacevole, soave e quasi mistica Ave Maria di Jonann Melchior Gletle, 1626-1683, compositore svizzero semisconosciuto, che val davvero la pena di apprezzare. Ancora: Vivaldi, Concerto in La minoredalla Stravaganza, op. 4 Rv 357; Allegro – Grave – Allegro in una trascrizione per organo solo, da Anne Dawson’s Book, 1720. Sul rush finale, interessante e curioso, Tantum ergo di Giovanni Morandi, 1777-1856. Questa tra l’altro è una chicca per musicofili: l’unico brano esistente in cui il testo sacro si sposa con lo stile operistico, composto per le sonorità specifiche degli organi Callido.

Giovanni Morandi, il connubio tra musica sacra e stile operistico

Morandi infatti, che era marchigiano di Senigallia, componeva proprio avendo in mente gli organi del suo territorio, tutti di fattura Gaetano Callido di Venezia. E scrisse questo brano per la moglie, da lui educata al canto, che all’epoca divenne molto più famosa del marito, la soprano Rosa Morolli, spesso ingaggiata da Rossini per la prima delle sue opere. Il concerto termina con una meditativa Salve Regina in stile operistico di Giacomo Puccini, originariamente scritta per armonium ed ora apprezzata all’organo.

Il Festival Antichi Organi al Tempio La Rotonda di Rovigo ultima modifica: 2021-12-17T20:15:45+01:00 da Elisa Padoan

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x