Giulio Casale
Arte

Giulio Casale interpreta Il Signor G a Villanova – Ovazione per Tosca

19286,19162

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Entra nel vivo il cartellone estivo di Tra Ville e Giardini 2018 e propone un nuovo incontro artistico. Questa volta con una pièce di teatro-canzone a firma Giorgio Gaber e Sandro Luporini, “Polli di allevamento”. Scritta nel 1978, ma attualissima e preveggente come sanno essere le riflessioni dei grandi geni del pensiero mondiale. Appuntamento giovedì 26 luglio, alle 21.30, in una nuova location, la piazza Monsignor Porta di Villanova del Ghebbo (Ro). Comune che entra per la prima volta nell’organizzazione del festival, mettendoci tutta la passione per la cultura come servizio al cittadino, al di là delle difficoltà finanziarie dei piccoli enti. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nella Sala civica di via Sabbioni.

In scena e alla regia ci sarà nientemeno che Giulio Casale, cantante, scrittore e attore, autore di un saggio su Gaber “Se ci fosse un uomo, gli anni affollati del signor Gaber” (2006), il quale ha rappresentato “Polli di allevamento” fin dal 2004, portandolo in giro per i teatri italiani e aggiudicandosi il Premio Franco Enriquez 2007 – Città di Sirolo (An), per la migliore interpretazione nel teatro di impegno civile.

Spettacolo

Giulio Casale Giulio Casale

“Cari cari polli di allevamento / coi vostri stivaletti gialli e le vostre canzoni/ cari cari polli di allevamento/ nutriti a colpi di musica e di rivoluzioni…”. Inizia così “Cari polli di allevamento”, il brano che dava il titolo allo spettacolo del 1978 di  Gaber-Luporini. Una sferzante denuncia dell’ipocrisia, del conformismo e, verrebbe da dire, dell’attuale globalizzazione omologante, che all’epoca nemmeno esisteva. Oggi lo spettacolo viene riallestito da Giulio Casale. Con la collaborazione della Fondazione Giorgio Gaber, in una forma molto fedele all’originale, con le basi musicali arrangiate da Franco Battiato e Giusto Pio.

“C’è qualcosa di dirompente nei contenuti di ‘Polli di allevamento’ che lo confermano non solo attuale ma addirittura necessario anche ora, quasi trent’anni dopo – ha detto Giulio Casale in un’intervista – Mai come oggi, infatti, la sistematica denuncia dell’ipocrisia dominante, un tema forte nella produzione gaberiana, esplode in tutta la sua necessità. Mi sembra che questo spettacolo sia il più drammatico e il più attuale dei lavori di Gaber, per il livello minimo di coscienza a cui siamo arrivati di questi tempi”.

Standing ovation per Tosca

Tosca

Standing ovation, il 24 luglio, per il live “Appunti musicali dal mondo” di Tosca, quarto appuntamento della rassegna Tra ville e giardini 2018, che ha infiammato il pubblico di Villa Nani Mocenigo a Canda (Ro), per una sera al centro della poesia e della bellezza mondiali. Questo live di Tosca è una miscela esplosiva di ritmi evocativi di culture lontane, ricerca delle radici sonore, voci calde ed eleganti, testi poetici che fanno da contrappunto all’immaginazione, lingue e dialetti che si fondono in un’unica grande narrazione della vita che scorre.

Un viaggio fra musica e pensiero, nella bellezza delle emozioni, che sono la parte vera dell’umanità. Un racconto corale, dove il pubblico entra in empatia con l’artista e con lei canta, respira e batte il ritmo. Un vero “concerto teatrale”, come lo definisce Tosca, dove i brani ripresi da varie culture, sono reinterpretati col suono di lingue diverse e riarrangiati tra cameristico e world music, inframmezzati e fusi coi testi poetici de “Il libro dell’inquietudine” di Fernando Pessoa.

La voce di Tosca è di una eleganza eccelsa e si divide tra il ritmo di una pizzica salentina e una ninna nanna russa. Gli strumenti suonano nudi, senza arrangiamenti ingombranti e creano un’atmosfera particolare. La chitarra di Massimo De Lorenzi, la voce  e le strabilianti percussioni delle giovani sorelle Fabia e Alessia Salvucci. E novità per Canda, rispetto alla registrazione del disco omonimo tratto dal concerto, il piano e soprattutto la fisarmonica di Ruggero Mascellino, che all’ultimo ha sostituito il violoncello di Giovanna Famulari.

Serata Memorabile

Sono come tanti acquarelli che si affacciano alla mente. Il fado etereo e poetico di “Il porto/A mesma mùsica” unisce idealmente Mergellina e il Portogallo, “Dumbala Dumba”  porta con la mente nel cuore dei Balcani. Si prende il largo dalle coste della Grecia con “To Traino” magistralmente interpretata da Tosca, a cui segue il canto macedone “Ibrahim” ma è già tempo di approdare in Libano con la splendida “Succar Ya Banat”. Dal Sudafrica, ed in particolare dal repertorio di Myriam Makeba, arriva “Nongqongqo”. Verso il finale il tradizionale rumeno “Rumania Rumania” e tra i bis “Rosa”, canzone brasiliana dolcissima del 1917 tradotta splendidamente in italiano ed il classico “Vorrei incontrarti tra cent’anni”. Un concerto memorabile per Tra ville e giardini 2018.

BIGLIETTI

La rassegna Tra ville e giardini 2018, XIX edizione, viene promossa e finanziata dalla Regione del Veneto attraverso Reteventi, dalla Provincia di Rovigo che l’ha sostenuta fin dalle origini. Col contributo della Fondazione Cariparo e anche di 13 Comuni polesani che ospiteranno a turno i 14 spettacoli in programma. L’organizzazione fattiva è dell’Ente Rovigo Festival. Collabora il Rovigo convention&visitors bureau.

Biglietto d’ingresso unico euro 5,00. Si può acquistare alla biglietteria a partire dalle 20.30. Oppure in prevendita, presso Ente Rovigo Festival, viale Porta Adige 45, Censer Rovigo, V piano, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13.

 

Foto copertina QuiComo. Fonte Comunicato stampa n. 12 – 13 di Tra ville e giardini. Foto interno articolo facebook Tra ville e giardini.
Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Giulio Casale interpreta Il Signor G a Villanova – Ovazione per Tosca ultima modifica: 2018-07-26T16:50:04+00:00 da Sibilla Zambon

Commenti

Giulio Casale interpreta Il Signor G a Villanova – Ovazione per Tosca
To Top