Biodiversità a Rovigo, cosa accade dopo il 22 Maggio: i progetti - itRovigo

itRovigo

Natura Vivere Rovigo

Biodiversità a Rovigo, cosa accade dopo il 22 Maggio: i progetti

Delta Del Po Da Pixabay

Il Delta del Po

Il 22 maggio è la data in cui riccorre ogni anno la Giornata mondiale della Biodiversità (International Day for Biological Diversity). Come si può leggere sul sito del WWF, è stata istituita dalle Nazioni Unite per celebrare la ricchezza di vita ed ecosistemi nel nostro Pianeta. Non solo, è utile anche per ricordarci che la continua emergenza climatica che stiamo vivendo rischia di eliminare tutta questa diversità che il nostro mondo può vantare. Secondo Legambiente inoltre, stiamo vivendo in un decennio cruciale per poter fermare la grande perdita che stiamo affrontando e salvare ciò che resta.

Logo Giornata Mondiale Biodiversita
Logo della Giornata Mondiale della Biodiversità

Lo slogan del 2021 è Siamo parte della soluzione, proprio perchè noi umani siamo inclusi tra i soggetti che pagano le conseguenze del nostro stesso inquinamento. É stato scelto anche per far sì che fosse collegato con il tema presentato lo scorso anno, Le nostre soluzioni sono nella natura.

Perchè celebriamo la Giornata mondiale della Biodiversità

La Giornata è stata concretamente istituita dalle Nazioni Unite nel 2000, con lo scopo di celebrare l’adozione della Convenzione sulla diversità biologica firmata nel 1992 a Nairobi. La volontà, quindi, è quella di riflettere e confrontarsi per quanto concerne l’importanza degli ecosistemi e degli ambienti in cui essi vivono; sensibilizzare, perciò, riguardo ogni specie di animale e vegetale e ogni relativo habitat, in un mondo in cui gli abitanti sono in continuo aumento.

Legambiente, a questo proposito, ha creato un decalogo “salva-natura” specificando che l’Italia presenta un forte ritardo rispetto agli standard generali per salvare il nostro pianeta. L’associazione prevede, tra gli altri: un aumento di aree protette e zone di tutela; l’impegno a contrastare azioni illecite contro specie faunistiche ed ecosistemi naturali; un investimento nella bio-economia e nelle imprese “green”. L’obiettivo è la tutela del 30% del territorio nazionale entro la fine del 2030.

E Tempo Di Preservare Lambiente
É tempo di preservare l’ambiente – da Pixabay

Le azioni del Comune di Rovigo

Il Comune di Rovigo, come afferma l’assessore allo Sviluppo Sostenibile Dina Merlo, intende realizzare un piano ben preciso di azioni alla sostenibilità; sia nell’ambito della Rete nazionale dei Comuni sostenibili, che in quello dell’Agenda ONU 2030, gli interventi inclusi sono mirati a conservare la biodiversità e migliorare la qualità della vita e della tutela alla salute. L’assessore spiega che proteggere la nostra diversità significa mantenere la varietà di specie presenti; combattere, quindi, il rischio di estinzione di molti animali e vegetali, tutelando l’equilibrio ambientale creatosi intorno a loro. Non solo, la biodiversità fa anche riferimento alle risorse di approvigionamento reperibili: gli animali, in un mondo sempre più popolato dall’uomo, devono essere in grado di trovare le risorse alimentari di cui necessitano.

Biodiversita Ed Ecosistemi
Biodiversità ed ecosistemi – da Pixabay

Successivamente, Merlo specifica che questo tema interessa anche lo sviluppo locale e ancora di più quello comunale; ovviamente sempre di sviluppo sostenibile si parla. Tramite gli indirizzi di tutela del territorio e della rete ecologica, la capacità di conservare la biodiversità è, più concretamente, la capacità di mantenere attive le specie autoctone e le catene di insetti più importanti, quali per esempio le api. Pertanto, la necessità alquanto urgente di mitigare l’ambiente rispetto ai cambiamenti climatici che stiamo affrontando ha fatto sì che il Comune di Rovigo si attivasse; lo stesso ha progettato aree boschive e aree tampone per una funzione di prevenzione.

L’Amministrazione comunale è decisa a promuovere anche un ultimo impegno (ma non meno importante); si tratta di introdurre nel nostro territorio specie come cereali o alberi da frutto antichi. Questi non verrebbero solo adattati all’ambiente, ma anche sfruttati per progetti di educazione ambientale, con lo scopo di far conoscere il territorio e i prodotti che provengono dallo stesso.

Biodiversità a Rovigo, cosa accade dopo il 22 Maggio: i progetti ultima modifica: 2021-06-11T08:58:19+02:00 da Francesca Braghin

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Muy importante 👍

To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x