Premio città di Rovigo
News

Festa delle donne – Premio città di Rovigo: l’innovazione in rosa

Fu il partito socialista americano a festeggiare per primo la donna con una giornata internazionale. Era Febbraio e correva l’anno 1909. L’anno seguente a Copenaghen, durante una conferenza internazionale delle donne socialiste, fu Clara Zetkin a ricordare l’evento. Le varie date cambiarono per anni a seconda del paese in cui si celebrava fino al 1921. A Mosca, durante la Seconda conferenza delle donne comuniste, si stabilì che la data unica doveva essere l’8 Marzo, giorno in cui nel 1917 ci fu una manifestazione delle donne contro lo zarismo a San Pietroburgo. Le altre vicende conosciute sono, quindi, leggende messe in piedi per distogliere lo sguardo da un contesto politico troppo marcato. Ricapitolando, la festa della donna non venne istituita in seguito ad un rogo in cui, nel 1908 a New York, persero la vita molte operaie.

Anche la tradizionale mimosa, simbolo italiano della festa della donna tanto da essere considerata un must per chi vuole omaggiarla l’8 Marzo, non nasce assolutamente per ricordare quelle operaie. Le origini sono sempre politiche! Nel 1946, l’Unione donne in Italia, grazie alle sue due massime esponenti Rita Montagnana e Teresa Mattei, decise che era necessario scegliere un fiore come simbolo da donare. Misero la decisione ai voti. Tra quelli che sbocciano in questo periodo, la Mimosa è piaciuta perchè in grado di sopravvivere in terreni particolarmente aridi e difficili, caratterizzata da questa sua apparente delicatezza e dolcezza. Perfetta per descrivere una donna. Inoltre, un altro aspetto fondamentale da non sottovalutare, poco costosa così che potesse essere alla portata di tutti.

Premio città di Rovigo

Premio città di Rovigo

Foto Antonio Zanesco

Ma passiamo ai giorni nostri e a Rovigo. Il Comune ha pensato di istituire il Premio Città di Rovigo: l’innovazione in rosa. Di cosa si tratta? E’ un riconoscimento destinato a tutte le donne che lavorano e operano nella città. Donne che si sono distinte per merito, impegno sociale, talento artistico o culturale, per una predisposizione ad operare al servizio degli altri, per umanità…distinguendosi per intelligenza ed educazione. Il termine ultimo per poter partecipare è il 2 Marzo 2018 ore 12:00. Maggiori dettagli e indicazioni sul come si presenta la domanda, li potete trovare comodamente nel sito della Regione Veneto.

Personalmente la ritengo un’iniziativa lodevole che mette in risalto il lavoro costante che tantissime donne ogni giorno fanno. Sacrifici e mancanze continue con cui convivere quotidianamente con la propria coscienza. Un’infinità di compromessi a cui scendere ogni giorno con noi stesse. Non intendo assolutamente sminuire il ruolo degli uomini, ma è innegabile che ancora oggi le donne soffrano di critiche pesanti di carattere sessista. Spesso ci troviamo ad affrontare molti pregiudizi, a dover lottare contro il tempo per riuscire a dedicarne anche alla famiglia e ai nostri figli. Perchè se è vero che è la qualità a fare la differenza e non la quantità, è anche vero che noi donne non siamo esseri razionali. Siamo molto spesso istintive e viviamo di “pancia” molte problematiche che dobbiamo risolvere.

Riconoscimento e onore alle donne

Credo sia fantastico che il Comune abbia deciso di donare un riconoscimento. Verrà infatti consegnata una targa  il giorno 10 marzo durante una celebrazione per la ricorrenza alla giornata internazionale della Donna alle ore 11,00 presso il salone d’onore del Comune di Rovigo, alla donna che sarà scelta tra le aspiranti da una Commissione che valuterà attentamente tutte le candidature pervenute. In questo mondo in cui le donne subiscono molte violenze di ogni genere, sono davvero felice e orgogliosa di questa bella iniziativa. Buona fortuna a tutte le partecipanti, per me avete già vinto tutte.

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Festa delle donne – Premio città di Rovigo: l’innovazione in rosa ultima modifica: 2018-02-27T10:33:41+00:00 da Sibilla Zambon

Commenti

Festa delle donne – Premio città di Rovigo: l’innovazione in rosa
To Top