Cultura News Noi rodigini

Teatro del Lemming – In Metamorfosi, nuovo bando per artisti

In metamorfosi bando del teatro del Lemming

Del Teatro del Lemming abbiamo già detto in passato. Storica realtà, si è occupata, quest’anno, di collaborare alla riedizione dello storico Festival Opera Prima che per anni ha avuto sotto la propria direzione. Il Festival negli anni ha portato alla ribalta attori (al tempo poco conosciuti) del calibro di Ascanio Celestini, Roberto Latini e molti altri. La nuova edizione del Festival è stata organizzata nel settembre scorso ed ha visto un’ottima partecipazione di pubblico.

In Metamorfosi

Riconosciuta, per il triennio 2018-2020 come una delle tre Residenze Artisti nei Territori della Regione Veneto, il Teatro del Lemming è titolare del progetto In Metamorfosi. Residenze per la ricerca teatrale. Il progetto prevede l’ospitalità di gruppi in residenza secondo due parametri :
– Sostegno ad artisti e gruppi locali e regionali operanti nella sperimentazione dei linguaggi scenici;
–  Individuazione di giovani realtà emergenti a livello nazionale ed europeo che lavorano attorno alla sperimentazione dei linguaggi scenici con una particolare attenzione alla pratica del Teatro dello spettatore;
Per il primo parametro, i gruppi verranno selezionati su scelta diretta della direzione artistica; mentre per il secondo asse ogni anno verrà realizzato un bando di selezione.

Con questo bando il Teatro del Lemming invita alla partecipazione giovani, gruppi o singoli, artisti italiani ed europei, dediti alla sperimentazione dei linguaggi scenici con particolare attenzione, non esclusiva, alla pratica del Teatro dello spettatore.

Requisiti per la partecipazione

Attori del Teatro del Lemming in scena

Il bando è rivolto a singoli o gruppi di professionisti del teatro e delle arti performative, italiani ed europei, strutturati in una qualsiasi forma giuridica. Sono ammessi alla selezione progetti di residenza che realizzino una sperimentazione dei linguaggi scenici secondo i punti sopra richiamati. Ciascun artista o formazione potrà realizzare durante il periodo di residenza:
1. Sessioni di prove su nuove produzioni;
2. Workshop aperti ai giovani del territorio;
3. Azioni teatrali e/o performative all’aperto;
Sarà in ogni modo obbligatorio prevedere al termine della residenza un momento di restituzione del proprio lavoro aperta al pubblico.

Durante il periodo di residenza, gli artisti saranno seguiti da diverse tipologie di tutorato artistico. Da una parte, Massimo Munaro, direttore artistico del Teatro del Lemming, seguirà l’evolversi della residenza, monitorando lo sviluppo dei progetti artistici. Dall’altra, durante una o più giornate di lavoro, saranno invitati un critico e/o uno studioso e/o un artista e/o un operatore teatrale nazionale, che avranno la possibilità di conoscere gli artisti in residenza, di approfondire il loro percorso artistico e di osservare l’evoluzione del processo creativo. Oltre ad aiutare gli artisti ospitati nello sviluppo delle loro idee progettuali, il fine del tutorato artistico sarà anche quello di creare delle occasioni di incontro, confronto e passaggio dei saperi tra una generazione teatrale e un’altra.

Un’iniziativa davvero bella e coinvolgente, maggiori info per partecipare a questo link.

Fonte: comunicato Teatro del Lemming. Foto: copertina Teatro Del Lemming, Vicenzareport.

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada.
Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.

Teatro del Lemming – In Metamorfosi, nuovo bando per artisti ultima modifica: 2019-01-11T10:07:51+02:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top