I RODIGINI RACCONTANO ROVIGO

itRovigo

Curiositá Musei Storia, Arte e Cultura

Presenze record per il Giappone a Palazzo Roverella

5e307868945b6 5e307868945c3800px Palazzo Roverella, Esterno Da Piazza Vittorio Emanuele Ii, Rovigo (2).jpg

Giapponismo. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915 ha chiuso in bellezza, con 51 mila visitatori e confermandosi come seconda mostra più visitata nell’intera storia espositiva di Palazzo Roverella. Solo Ossessione Nordica nel 2014 era riuscita a superare questo record, arrivando a 55 mila visitatori. Il Presidente della Fondazione Cariparo, Gilberto Muraro, ha espresso al curatore della mostra, professor Francesco Parisi, i complimenti della Fondazione, del Comune di Rovigo e dell’Accademia dei Concordi, co-promotori della mostra.

Presenze record per il Giappone

Un risultato strepitoso che ci onora e ci riempie di orgoglio” dichiara il Sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo. “Le mostre di Palazzo Roverella sono ormai un crescendo di consensi e di attesa, confermando di anno in anno la loro importanza culturale. Tutto questo ci allieta sia per la valenza promozionale che hanno per la città di Rovigo, che per l’opportunità culturale offerta ai nostri cittadini e non solo. Questi eventi sono di grande richiamo per il territorio, ma anche a livello nazionale. Un ringraziamento particolare alla Fondazione Cariparo. Promotrice di questi grandi progetti, all’Accademia dei Concordi per il sostegno, al curatore della mostra Francesco Parisi. Ad esso vanno i più (vanno ricordate le agevolazioni per le scuole: 2 euro per il biglietto di ingresso e laboratori didattici gratuiti per quelle delle province di Padova e Rovigo).

Sentiti complimenti e a chi ha collaborato alla realizzazione di questo nuovo grande e importante successo culturale” conclude il Sindaco. Anche il Presidente dell’Accademia dei Concordi, Giovanni Boniolo, commenta soddisfatto. “Un incredibile successo che mostra, una volta di più, l’attrattiva di Rovigo se si realizzano eventi ben fatti e importanti“. Per la gioia di chi ama le classifiche, la mostra Giapponismo ha registrato il 33% di visite più rispetto alla grande mostra dello scorso anno “Arte e Magia“, 23% in più rispetto a Secessioni Europee del 2017, 39% in più rispetto a Nabis e Gauguin (2016) e il 95% in più rispetto al Demone della Modernità del 2015. Rimane imbattuta solo Ossessione Nordica del 2014, cui però Giapponismo si avvicina moltissimo.

I dati delle visite

Meritano un’evidenza i risultati emersi dal sondaggio somministrato ai visitatori di mostra. Il 70% proviene dal Veneto (Padova e Rovigo in primis), poco meno del 30% dall’Emilia-Romagna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Trentino Alto Adige e Marche e quasi il 3% dal Mezzogiorno, Sud e Isole. La maggior parte dei visitatori ha visitato la mostra singolarmente o in famiglia. Oppure in piccoli gruppi di amici. Ha dichiarato di essere andata a Rovigo principalmente per la mostra al Roverella, che per la metà di loro ha superato di gran lunga le aspettative. A conferma del fatto che è la qualità l’elemento costante degli eventi espositivi di Palazzo Roverella.

Importante anche il numero delle scolaresche in visita. Oltre 500 le classi provenienti principalmente da Istituti della provincia di Rovigo e a Padova per un totale di 10.000 tra alunni e insegnanti accompagnatori. Lusinghiere anche le recensioni della stampa regionale e nazionale, che ha riservato molto spazio a questa esposizione, e altrettanto lusinghieri i commenti sul registro ospiti in mostra oltre che sulla pagina facebook di Palazzo Roverella.

I prossimi appuntamenti

Palazzo Roverella, oltre alla mostra vanno ricordate le agevolazioni per le scuole. 2 euro per il biglietto di ingresso e laboratori didattici gratuiti per quelle delle province di Padova e Rovigo. Il Giapponismo, ha offerto a tutti i visitatori la possibilità di visitare gratuitamente la Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e del Seminario Vescovile di Rovigo, che dallo scorso settembre conta sul ritorno dalla Cina delle mummie Mary e Baby e su una sezione archeologica integrata permanentemente nel percorso di visita. E dimostra di piacere anche l’abbinata tra il Roverella e il dirimpettaio Palazzo Roncale in cui sono stati esposti i manga giapponesi della collezione originale Radiant di Tony Valente, visitati gratuitamente da oltre 7.000 persone.

Infine, dal 28 febbraio, a Palazzo Roncale, prenderà il via l’originale mostra dedicata a Dante e alla mitica “Quercia di Dante“. Il grande albero che, secondo la tradizione, avrebbe concesso al Poeta di ritrovare la strada perduta durante la sua permanenza in Polesine.
La mostra, visitabile gratuitamente, esporrà una sezione documentaria sulla Quercia e originali opere pittoriche dell’Inferno dantesco di Gustave Dorè, Robert Rauscenberg e Brigitte Brand.

Fonte: StudioEsseci. Foto di copertina: Threecharlie [CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)]

Presenze record per il Giappone a Palazzo Roverella ultima modifica: 2020-01-28T19:07:55+01:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top