Palazzo Roncale a Rovigo sede della mostra temporanea della Pinacoteca dell'Accademia dei Concordi
Arte

Fino al 21 gennaio – I capolavori dei Concordi a Palazzo Roncale

Palazzo Roncale vale sicuramente una visita, non fosse altro che per ammirare la splendida sala degli arazzi. In questo splendido palazzo, tardo Rinascimentale, fino al 21 gennaio, vi sono esposti i capolavori della pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e del Seminario Vescovile di Rovigo (ospitati a Palazzo Roverella).

L’entrata è gratuita ed i lavori esposti vi lasceranno senza parole.

Si comincia con i lavori esposti al piano terra, opere di Concetto Pozzati. L’artista di Vò, comune posto sui colli Euganei cui si è voluto rendere omaggio dopo la sua scomparsa, avvenuta nell’Agosto scorso. Le opere, di tematica surrealista e pop lasciano incantati per le splendide cromie, quasi metalliche.

Si sale poi al piano superiore dove ad attenderci troviamo diverse opere che vanno dal 1400 al 1700. Diverse sono le proposizioni di Madonne con il Bambino. Meravigliosa quella di Giovanni Bellini, del 1475 circa, periodo che viene considerato quello della sua maturità artistica.

Dal Tintoretto ai Fiamminghi

Marina con ponte rotto di Luca Carlevarijs fino al 21 gennaio 2018 a Palazzo Roncale a Rovigo

E poi ancora, sul tema, quelle di Marco Bello, Jacopo da Valenza e Jacopo Negretti, detto Palma il Vecchio. Del Bellini possiamo ammirare anche lo splendido Cristo Portacroce, pittura di grande profondità. Troviamo poi “Quattro teste virili”, dipinto attribuito al Tintoretto, “Santa Lucia e storie della sua vita” di Quirizio da Murano e due stupendi dipinti di scuola fiamminga : Vanitas del Mabuse ed Il Buon Pastore di Jan Mostaert.

Di grande intensità anche la contadina di Piero Bellotti, al quale il pittore ha voluto attribuire la fugacità della vita nell’intenso primo piano. Sempre del Belotti ho trovato stupendo “Medea ringiovanisce Esone” e poi “Rebecca riceve i doni da Abramo” di Pietro Negri.

Intenso e pieno di pathos il dipinto di Sebastiano Mazzoni che ritrae la Morte di Cleopatra, l’istante in cui le ancelle scoprono il suicidio della regina d’Egitto. Rimango estasiato davanti a due “marine”, una “Marina con ponte rotto ed arco di Costantino” di Luca Carlevarijs ed una “Marina con Rovine Classiche” di Johann Anton Eisman.

Termino la visita, che consiglio caldamente a tutti, con i due magnifici paesaggi di Giuseppe Zola.

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada.
Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.

Fino al 21 gennaio – I capolavori dei Concordi a Palazzo Roncale ultima modifica: 2018-01-18T10:03:29+00:00 da Alessandro Effe

Commenti

Fino al 21 gennaio – I capolavori dei Concordi a Palazzo Roncale
To Top