Cultura Interviste

Il Delta del Po e il Cinema: spazio anche alle risate con Nutriaman

Whatsapp Image 2019 04 19 At 12.53.33 (1)

Il Delta del Po e il Cinema  – Spazio anche alle risate

La provincia di Rovigo vanta una lunga tradizione cinematografica. Location scelta da registi celebri per ambientare le loro pellicole, che hanno trovato nel Delta del Po i paesaggi adatti dove girare. Dai grandi del neorealismo italiano, fino ai giorni nostri, si contano più di 500 lavori tra film, documentari e serie televisive. Ma accanto a mostri sacri del Cinema come Visconti o Rossellini, trovano posto anche piccole produzioni locali indipendenti. Stanno per concludersi infatti le riprese dell’ultimo episodio di una saga tutta polesana. Protagonista un supereroe made in Rovigo: Nutriaman!

Cinema Delta del Po

Una produzione made in Polesine

A firmare l’ultima fatica dello Spiderman nostrano sarà ancora una volta il regista Michele Pezzolato: fondatore nel 1995, assieme a Walter Pregnolato, Manuel Finotti e Fabio Pezzolato, della Taiant Pictures. E’ infatti dal comune bassopolesano di Taglio di Po, che i quattro cominciano a concepire le prime riprese che li vedono protagonisti. “Rovigo’s Way” (1 e 2) e “Treason” sono i primi tentativi di esprimere il loro cinema, genuino e ruspante. Ma è del 2001 la scelta di iniziare a girare film in dialetto locale. Idea che si rivela vincente. Entrano a far parte del team nuovi membri, che portano alla produzione de “Tre ebeti e un maniaco”. Il riscontro positivo li porta ad ideare un personaggio che diverrà il loro cavallo di battaglia, anche se sarebbe più corretto chiamarlo nutria da battaglia! Nutriaman esce nel 2003 per poi essere seguito da altri due episodi. Nel mezzo, i ragazzi della Taiant, gireranno anche “S.F.I.G.A.” e “Polesine Bastardo”. Dopo quest’ultimo fa il suo ingresso Matteo Barbon, che forte della sua esperienza alza il livello tecnico, portando le produzioni verso una maturità sempre più cinematografica.

Cinema Delta del Po

Il ritorno del supereroe nato dal morso di una nutria

L’affetto dimostrato dal pubblico e il pienone alle prime proiezioni nei cinema dei loro film, li spingono infine a riprendere in mano le macchina da presa per regalare ai fans l’ultima impresa del loro beniamino mascherato, nato dalle acque del Delta del Po. Nonostante gli impegni lavorativi e di famiglia, le riprese, con strumenti sempre meno amatoriali e degni di un cinema di serie A, iniziano nel 2017 con il prequel Nutriaman Returns – Episodio 1. Seguito nel 2018 dal secondo episodio, che anticipa la battaglia finale. Quest’ultima sarà un vero e proprio  tributo ai sostenitori del supereroe, chiamati all’appello per partecipare in prima persona alle riprese. L’obiettivo è quello di girare una scena epica, degna del Signore degli Anelli: uno scontro tra le forze del male e quelle del bene. Ovviamente in stile Taiant Pictures. L’appello è fissato per il 28 aprile, nelle modalità segnalate sui canali social della Taiant Pictures. A muovere l’affiatato team di lavoro non è certamente il denaro, ma piuttosto l’amore per il cinema, il territorio e le persone che negli anni li hanno supportati. E’ soprattutto a loro che vogliono regalare ancora tante risate e divertimento.

Cinema Delta del Po

Parola al regista: il suo cinema e il Delta del Po

Come nasce la tua voglia di diventare regista e quanto conta il Delta del Po nei tuoi film e ti ha influenzato durante le riprese? Cosa diresti ai giovani appassionati di cinema, per spingerli, telefonino in mano, a girare dei cortometraggi nel Polesine?
La mia voglia di regia nasce da dove abitavo, cioè di fianco ad una videoteca/studio foto e video dove all’interno lavorava Gianni Pregnolato, che già allora come tutt’ora lavorava come operatore video e montaggio, quindi succedeva che io noleggiavo i film, li guardavo e curioso di come fossero costruiti Gianni mi faceva capire come si giravano le varie scene, come si montavano e soprattutto come riconoscere un film di qualità. Il Delta nei nostri film ha sempre fatto da protagonista sia dal punto di vista visivo che dal linguaggio, diciamo che è il nostro marchio di fabbrica. Per quel che riguarda i giovani io non posso far altro che incitarli a sperimentare e a provare a mettersi in gioco, questo perché proprio quel telefonino che hanno in mano dalla mattina alla sera non è solo un dispositivo per far uso di social, ma può essere fonte di nuove esperienze e Dio solo sa cosa può creare la mente di un giovane volenteroso. Io ho cominciato mettendo insieme qualche clip con la pausa …. Con la pausa dei Videoregistratori, e ora siamo qui….che per carità non siamo di certo a Hollywood ma il fatto di divertirmi e divertire tante altre persone facendo quello che per me è una passione che occupa il tempo libero, mi rende felice e penso che questo basti.”

Cinema Delta del Po
Fotografie concesse da Matteo Barbon

Il Delta del Po e il Cinema: spazio anche alle risate con Nutriaman ultima modifica: 2019-04-24T11:17:51+02:00 da Antonio Pozzato

Commenti

To Top