Arte Cosa Facciamo Cultura Eventi Noi rodigini

La stagione Teatrale a Rovigo – Al via i festeggiamenti del bicentenario

Teatro Sociale Bicentenario

Duecento. E’ questo il numero che salta subito all’occhio e che campeggia sui manifesti e sulle locandine di presentazione della nuova stagione teatrale rodigina. Muse neoclassiche munite di strumenti a corda ed a fiato, con capelli e vestiti accarezzati dal vento, ci ricordano che la stagione 2018/2019 è speciale. Nel 1819 infatti veniva rappresentata la prima Opera. L’Adelaide di Bologna, opera seria in due atti, commissionata appunto nel 1819 e messa in scena nell’aprile di quell’anno su musiche di Pietro Generali e Luigi Romanelli. Con personaggi ed interpreti ancora da definire è stata messa in cartellone per l’aprile del 2019, in una sorta di omaggio e cristallizzazione storica.

L’anniversario è importante e sentito in città, soprattutto da parte di chi ha lavorato per realizzare il cartellone di questa stagione. “Sogno una grande festa per i 200 anni del nostro Teatro Sociale. Sogno che le idee possano unirsi, al di là delle differenze di pensiero, per uno scopo comune volto ad esaltare la cultura, quindi la crescita, il progresso e il futuro di una comunità”. Queste le parole del sindaco Bergamin che ringrazia anche tutte le maestranze che si sono impegnate e si impegnano quotidianamente in modo eccellente e professionale. Non da meno l’assessore alla Cultura Alessandra Sguotti che ci tiene a sottolineare : “sarà una stagione eccezionalmente importante con la ricorrenza dei duecento anni di storia di uno dei 28 Teatri di Tradizione lirica in italia”.

Gli eventi in cartellone

Teatro Sociale Bicentenario

Claudio Sartorato, direttore artistico del Teatro Sociale pone l’accento sull’importanza sociale di avere una città con un teatro attivo. “Per quanto riguarda le attività sarebbe sufficiente un solo dato che potrebbe sembrare insignificante, questo è uno dei rari teatri che non ha mai interrotto la propria attività. Neppure nei momenti più duri, più difficili ovvero nell’imperversare delle due grandi guerre mondiali di cui si sta celebrando la ricorrenza della fine della prima. Questo solo per mettere in evidenza quanto questa comunità abbia avuto a cuore il proprio teatro. Chapeau!”.

Tantissimi gli eventi in cartellone, a partire dalla Lirica che apre le porte dal 7 Novembre. Classici e magnifici i titoli in cartellone. Si parte col Nabucco di Verdi passando alle Nozze di Figaro di Mozart ed arrivando alla Turandot di Puccini. Per la prosa spicca il nome di Giuseppe Fiorello in uno spettacolo che ha come titolo un verso della canzone più famosa di Modugno “Nel blu dipinto di blu”. Si intitola infatti “Penso che un sogno così…” il viaggio a ritroso nella memoria dell’attore siciliano che promette senza dubbio brividi ed emozioni. Ci sarà poi Alessio Boni in una rivisitazione del Don Chisciotte e che tratta di eroismo, follia, umanità.

Un cartellone ricco, che vi invitiamo a scorrere ed a scoprire a questo link, con l’invito a partecipare ed a godere di quanto il Teatro e la città possono offrire.

 

Foto e fonte: Comune di Rovigo

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada.
Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.

La stagione Teatrale a Rovigo – Al via i festeggiamenti del bicentenario ultima modifica: 2018-10-05T11:42:55+00:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top