Itinerari Natura paesaggi

Camminare nel Delta. M’argini verso il mare

2501629513 6b41499928 B

La magia del Delta del Po non ha assolutamente tempo. E, ovviamente, neanche stagione. E’ per questo che vi segnaliamo questa bella iniziativa che avrà luogo domenica 17 Novembre a partire dalle ore 9.00. Organizzata da Acqua Delta del Po ha come ritrovo la chiesa di Boccasette a Porto Tolle ed avrà come durata 3 ore. Si tratta di una camminata di circa 8 km su un percorso pianeggiante su una strada arginale sterrata che non presente nessuna difficoltà. Consigliamo abbigliamento comodo e vi avvertiamo che in caso di pioggia la camminata verrà rimandata. Il costo è di 5 euro a partecipante e la prenotazione è obbligatoria. Per partecipare potete scrivere a : info@acqua-deltadelpo.com.

Camminare nel Delta

Una visione privilegiata su un paesaggio davvero unico. Quello del nostro Delta del Po. Si parte da Boccasette. Essa è’ la parte più estrema del grande Delta del Po. Si affaccia sull’Adriatico con le sue lunghe lingue di sabbia dette ‘scanni’ (oppure ‘scano‘, in dialetto veneto). Sono delle barriere naturali, create dal riflusso delle maree e dal materiale sabbioso che viene trasportato dal grande fiume. Spesso vengono completamente scavalcate dalle mareggiate che si riversano sui canali o sulle sacche retrostanti. Frenano la violenza delle ondate che altrimenti si infrangerebbero sulle dighe delle valli da pesca o creerebbero scompensi nelle lagune interne.

Sono formate da sabbia, che risulta molto instabile e pertanto sono soggette a continue evoluzioni. Solitamente vi crescono solamente canne palustri e radi cespugli. Sono gli unici in grado di resistere alle condizioni estreme di vento e salsedine. Queste lingue di sabbia sono difficilmente raggiungibili, fatta eccezione la spiaggia di Boccasette. Si potrà poi osservare la maestosità del grande fiume.

Il Po di Maistra

Il primo tratto del Po di Maistra è stato, per molto tempo, il ramo principale. L’importanza di questo ramo, all’epoca, ci viene testimoniato dalla larghezza dei suoi argini che distano, l’uno dall’altro, quasi un chilometro. Essa è più o meno la distanza che separa gli argini attuali del Po di Venezia. Oggi il vero e proprio alveo del Po di Maistra supera a malapena il centinaio di metri. Ciò che è rimasto dell’antico alveo è andato ricoprendosi nel tempo di una lussureggiante vegetazione fino a costituirne, nella sua forma senile attuale, un ambiente di incomparabile bellezza e suggestione. Alla sua graduale diminuzione di importanza a livello idrico si è andato a contrapporre un eccezionale aumento di interesse scientifico per il suo patrimonio a livello di vegetazione e fauna.

Dalla foce del fiume, percorrendo l’argine a mare che costeggia le valli, si accede, con una piccola sosta e tramite un piccolo ponte pedonale, di accedere alla spiaggia di Boccasette, per rendersi conto del lento, inesorabile processo evolutivo di formazione del Delta, ora in fase di avanzamento, ora in regresso e, considerando di calpestare una spiaggia che solo cento anni fa ancora non esisteva, immaginare il possibile scenario di colui che fra cento anni visiterà quel luogo. Un’escursione quindi da non perdere assolutamente, e che toccherà anche le valli della pesca. Per rendersi conto del magnifico ed unico ecosistema naturale del Delta del Po.

Foto di copertina: “In barca sul Delta del Po” by Guido Andolfato is licensed under CC BY-NC 2.0 

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada. Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.
Camminare nel Delta. M’argini verso il mare ultima modifica: 2019-11-15T12:10:57+01:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top