Cosa Fare Eventi Informazioni Utili

Madama Butterfly, al via la stagione lirica del Sociale

4592600868 1f2888854a B

Di Rovigo, della città e del suo grande amore per il canto, abbiamo più volte scritto. Io stesso, qualche giorno fa, camminando da piazza Garibaldi alla chiesa dei Santi Francesco e Giustina, ho ascoltato, rapito, le arie di prova sotto le finestre del Teatro Sociale. Quest’ultimo, da sempre, è stato il grande palcoscenico dell’opera cittadina. Un teatro che ha visto, sulle sue scene, artisti illustri e debuttanti pieni di talento che sarebbero presto diventati star del mondo della lirica. Da Maria Callas a Beniamino Gigli, per finire con Renata Tebaldi. Un grande, grandissimo amore che la città ha sempre manifestato con presenze massicce e trepide attese.

La Madama Butterfly

Sarà l’opera di Giacomo Puccini ad aprire la stagione lirica cittadina. Venerdì 15 Novembre alle 20.30 si alzerà il sipario per il primo turno, il secondo è previsto per domenica alle 16. L’opera, in tre atti è di Puccini su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. La prima ebbe luogo in quel grande palcoscenico del teatro italiano che è la Scala. Puccini era certo di riscuotere il grande successo che immaginava gli spettasse di diritto per un’opera come “Madama Butterfly“. Proprio per questo motivo scelse (di comune accordo con Giulio Ricordi, suo editore) il palcoscenico del teatro alla Scala di Milano per la sua prima.

Questa sua scelta era data probabilmente da una voglia di rivincita verso il Teatro che, ricordiamo, nel 1889 aveva bocciato il suo “Edgar“.
Purtroppo per lui, comunque, la prima dell’opera si risolse in un fiasco, evento inaspettato dopo i tre successi pucciniani Manon Lescaut, La Bohème e Tosca. L’opera è basata sul dramma “Madame Butterfly” del commediografo statunitense David Belasco. Egli a sua volta si ispirò ad un racconto omonimo di John Luther Long.
I librettisti Giuseppe Giacosa e Luigi Illica cominciarono il lavoro sul libretto a partire dal 1901. Per alcune suggestioni orientaleggianti presero spunto dal romanzo di ambientazione giapponese “Madame Chrysanthème” di Pierre Loti.

Dietro le quinte dell’opera

L’opera è un successo annunciato da sold out. Un altro segno, se mai ve ne fosse stato bisogno, dell’amore indissolubile della città per l’arte e per questo teatro progettato da Sante Baseggio. A far risuonare le musiche di Puccini, con la direzione di Stefano Romani, sarà l’Orchestra filarmonica Regionale Veneta. Che includerà ben quattordici talenti del conservatorio rodigino che suoneranno nell’orchestra. Ma stasera ci sarà un’occasione ben più ghiotta, e per di più gratuita presso il Ridotto del Teatro Sociale (sempre in piazza Garibaldi).

Un grande “dietro le quinte” che sarà affascinante ed unico allo stesso tempo. Infatti, in attesa della Prima della Madama Butterfly di venerdì sera, si potrà partecipare a questo suggestivo incontro. Una presentazione cui parteciperanno ed interverranno il Maestro Stefano Romani (il direttore dell’Opera), il professor Luigi Costato, gli allievi delle classi di canto del Conservatorio Venezze di Rovigo. Questi ultimi, allievi delle Professoresse Marina De Liso e Marina Fratarcangeli, eseguiranno dal vivo alcune arie proprio dalla Madama Butterfly. L’appuntamento (da non perdere) è quindi per le 18.00 di questa sera. Come scrivevamo l’ingresso al “dietro le quinte” è totalmente gratuito.

Fonte: Comune Rovigo, Cantarelopera. Foto copertina : “Puccini – Madama Butterfly – Tebaldi, Nell Rankin, Gianna Diozzi, Giuseppe Campora, Giovanni Inghilleri, Piero Di Palma, Fernando Corena, Melchiorre Luise, Michele Calvino, Luigi Pizzeri, Accademia Santa Cecilia Roma, Alberto Erede, Decca ACL60, Record 2” by Piano Piano! is licensed under CC BY 2.0 

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada. Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.
Madama Butterfly, al via la stagione lirica del Sociale ultima modifica: 2019-11-14T11:12:37+01:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top