Cibo Curiositá

Halloween: dalla leggenda di Jack-O’-Lantern ai tortelli di zucca

Tortelli di zucca - Preparazione

Manca poco ormai ad Halloween e, anche se questa festa non appartiene alla nostra tradizione, è entrata molto rapidamente nei nostri cuori. Soprattutto dei più piccoli, che si divertono a fare incetta di dolcetti in giro per le vie del centro città. Sempre più case, negozi o giardini vengono decorati con zucche giganti in perfetto stile americano. Ma ne conosciamo almeno il reale motivo? Nei paesi anglosassoni il 31 Ottobre si espongono a mo’ di lanterna, dopo averle private della loro polpa interna ed intagliate per creare volti mostruosi e terrificanti con all’interno un lumino, ed urlare così al mondo l’assenza di paure irrazionali. Non vi è origine certa e molteplici i racconti a seconda della nazione. Fra tutte la più nota è quella irlandese.

Il grande mito


Foto dal sito quantomanca.com

Pare che nel XIX secolo venissero fatte per esorcizzare la fobia degli spiriti. Prende vita in questo periodo la leggenda di Jack-O’-Lantern. Jack era un fabbro che adorava bere. Una sera, mentre andava alla sua locanda preferita per ubriacarsi, incontrò il Diavolo che voleva rubargli l’anima. Ma l’uomo era davvero astuto e lo convinse a trasformarsi in una moneta per potersi fare un ultimo goccetto. Mise la moneta in tasca accanto ad una croce d’argento, in modo che Satana non potesse più riprendere le proprie sembianze. Dopo una estenuate discussione si accordarono per altri 10 anni di vita del fabbro in cambio della libertà.

Quando il Diavolo si ripresentò, Jack chiese di poter cogliere una mela da un albero su cui tracciò una croce per impedirgli di avvicinarsi e prenderlo. Dopo lunga trattativa, si misero d’accordo. Il Diavolo lo liberava completamente da dannazione eterna a patto di non incontrarlo mai più lungo il suo cammino. Quando Jack morì, ovviamente venne spedito all’inferno ma Satana mantenne la promessa e lo rifiutò. Lo spedì a vagare con le anime disperse e quando Jack gli fece notare che c’era buio e freddo, il Diavolo esasperato gli lanciò dietro un fuoco eterno, che l’uomo furbamente si affrettò a prendere per metterlo dentro una rapa vuota che portava con sé. Motivo per cui per anni negli USA si sono utilizzate le rape, prima di essere soppiantate dalle attuali zucche, per fare decorazioni.

Ma come possiamo utilizzare la polpa della zucca, senza doverla sprecare gettandola? Semplicissimo, dall’antipasto al dolce in cucina questo alimento è davvero versatile. Ecco la nostra proposta!

Tortelli di zucca


Foto dal sito www.iltortellinoferrarese.it

INGREDIENTI:
Per la pasta:
1 kg farina 00;
10 uova.
Per il ripieno:
1 kg di polpa di zucca;
150 g di amaretti;
noce moscata e sale;
2 uova;
grana padano grattugiato.

PROCEDIMENTO:
Lavorate la farina con le uova per preparare l’impasto per la sfoglia. Lasciatelo riposare coperto da un canovaccio umido per evitare si secchi. Mettete la polpa in forno preriscaldato a 200º, fino a quando sarà possibile infilzarla con uno stuzzicadenti. Per evitare si formi una crosticcina potete avvolgerla con la carta stagnola. A questo punto fate una purea grazie allo schiaccia patate. State attenti non vi siano grumi. Aggiungete gli amaretti finemente sbriciolati, il grana, la noce moscata, il sale e le uova per legare tutto.

Ora tirate la sfoglia, a mano o con la macchinetta, un po’ alla volta per evitare si asciughi. Fate dei quadrati di 5 cm circa per lato. Riponetevi un cucchiaino da caffè di farcia e chiudete a triangolo con una leggera pressione sui lati. Fate un anello e sigillatelo con la pressione dell’indice sul pollice. Se preferite metterli nel congelatore per poterli utilizzare un altro giorno, consiglio di sbollentarli leggermente per un paio di secondi. Una volta asciugati accuratamente, riponeteli negli appositi sacchetti per alimenti nel frizer. Questa operazione è utile per evitare che si rompano nel cucinarli in un secondo momento. Se preferite servirli subito, lasciateli riposare per un paio d’ore e poi immergeteli in acqua bollente e salata per un paio di minuti. Scolateli e servite con burro fuso, salvia e abbondante grana oppure con un sugo di vostro gusto. Largo alla fantasia mi raccomando.

Buon divertimento e buon appetito!

 

Foto copertina da sito flickr

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Halloween: dalla leggenda di Jack-O’-Lantern ai tortelli di zucca ultima modifica: 2018-10-22T08:45:41+00:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top