Cibo Tradizioni

L’ora della Zucche. La ricetta della torta alla Zucca

Tortadizucca Cop

Come per la polenta, in Veneto vi è un vero e proprio culto della zucca. Declinata in mille modi. Quest’ultimo alimento, a dire il vero, accomuna la regione con la parte bassa della Lombardia (penso alla bassa Mantovana) e con l’Emilia. Il Polesine è, daltronde, un territorio adatto alla col­tivazione della zucca, soprattutto nelle aree del Delta del Po e dell’alto Pole­sine. Due, fondamentalmente, le tipologie più coltivate: la Zucca Violina e la Zucca Delicata. La Zucca Violina è caratterizzata da una forma a clava, quasi ovale, allungata ad una estremità, ingrossata all’altra. La buccia è spessa ed i riflessi aranciati. La polpa, invece, è di un bellissimo giallo intenso. Dal sapore dolce e delicato, si presta alla preparazione del ripieno e fortemente indicata per preparare i dolci (torte soprattutto). La Zucca Delicata ha forma tondeggiante e buccia molto sottile. La polpa vira verso l’arancione e risulta compatta e soda.

Un po’ di storia

Nota sin da tempi antichissimi, la zucca ha rappresentato per molti secoli una riserva ali­mentare importante, nelle zone più povere. Soprat­tutto contadine. Oggi appare nelle migliori proposte della nostra cu­cina. Apprezzata da molti chef sia per il suo gradevole sapore sia per la sua versatilità. La vediamo protagonista, qui da noi, di ricette della tradizione del Polesine, come il risotto alla zucca, e i tortelli. Un tempo, veniva tagliata a fettine sottili e messa ad arrostire nel forno a legna. Oggi, fatta al forno o utilizzata per risotti o come ripieno per tortellini, è apprezza­ta anche in raffinati tortini che si rifanno alla cosiddetta “nouvelle cousine” (a Venezia è molto apprezzata “in saor“).

Torta di zucca

E’ ipocalorica, ricca di vitamine, minerali e fibre, indicata per la prevenzione ai tumori. Da sempre usata dai contadini per “simpatici scherzetti” di carattere spirituale. Si scavavano all’interno, per ricavarne così delle semplici lanterne. In dialetto conosciute come lumasse. Dopo aver creato dei fori, al loro interno venivano posti dei lumini. Sistemati fra le siepi, lungo corsi d’acqua, vicino ai cimiteri o comunque in luoghi particolarmente bui e suggestivi servivano, molto spesso, a terrorizzare malcapitati che casualmente passavano in zona.

La torta di Zucca

Vi presentiamo di seguito la ricetta per questa torta che ha, di base, una semplicità che non inficia assolutamente la sua bontà. Gli ingredienti proposti bastano per sei persone.
Ingredienti:
250 g Farina
50 g Maizena
150 g Zucchero
300 g Zucca
50 g Burro (+ 1 noce)
Uova
1 bustina Lievito In Polvere Per Dolci
q.b. Zucchero A Velo

Preparazione:

Togliete la buccia alla zucca e poi tagliatela a piccoli cubetti. Cuocetela in padella con una noce di burro per 10 minuti. In alternativa, per maggior leggerezza potete cuocerla per 20 minuti al forno a 200°. A cottura ultimata frullatela e tenetela da parte. In una ciotola metterete uova e zucchero che monterete fino ad ottenere un composto spumoso ed omogeneo. Unite il burro ammorbidito e, continuando a frullare, addizionate la polpa di zucca frullata e, a poco a poco anche la farina setacciata e la maizena. 

Torta Di Zucca

Per ultimo aggiungete anche il lievito per dolci. Mescolate fino ad ottenere una crema liscia. Mettete l’impasto della torta di zucca a cuocere in forno preriscaldato a 160° per 45 minuti circa e comunque fino a quando sarà cotta e dorata in superficie. Prima di sfornare fate sempre la prova stecchino per controllare la cottura interna della torta. A cottura ultimata tirate fuori dal forno e lasciate raffreddare. Poi spolverizzatela con abbondante zucchero a velo.

Fonte: Polesineterratraduefiumi, Giallo Zafferano. Foto: Dilei, Informacibo, GialloZafferano.

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada. Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.
L’ora della Zucche. La ricetta della torta alla Zucca ultima modifica: 2019-09-16T10:01:32+02:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top