Arte Rubriche

Festival Tensioni, al Censer due giorni di arte e riflessione

La locandina del Festival tensioni

Da quando ha parto i battenti, la Fabbrica dello Zucchero si è fermata poco. Un’attività volta a far conoscere il mondo dell’arte a 360 gradi. Ed ormai ci siamo anche per questo prossimo evento. Sabato 28 settembre 2019, alle 9. Presso il Censer di Rovigo (la hall di Sala Bisaglia è l’info-point e l’accoglienza), parte la grande maratona culturale del nuovo Festival Tensioni-arti e sguardi sul presente. Ideato da La Fabbrica dello zucchero è dedicato alla “Geografia delle relazioni. Queste ultime intese come relazioni umane che si modificano nella società contemporanea complessa e globalizzata, permeata di nuove tecnologie. Una riflessione fatta in musica, parole, immagini, suggestioni artistiche. Nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 settembre. Con orario continuato fino alle 24 il primo giorno e fino alle 22 e trenta il secondo.

Il Festival Tensioni

Un servizio di ristorazione consentirà ai visitatori di permanere nelle aree del Festival. Una preziosa “mappa”, un pieghevole col programma integrale, è un’alleata indispensabile per muoversi dentro una concatenazione fitta di eventi. Essi si terranno nei cortili, nei padiglioni e nelle sale dell’ex zuccherificio, suddivisi per aree tematiche. Le rotte del linguaggio (crossover di mezzi comunicativi), trame di umanità (storie singole o plurali), nuove mappe (movimenti e migrazioni), cinture di insicurezza (il corpo umano soggetto di comunicazione). Oltre a questi ci saranno dei laboratori sotto il titolo “teniamoci svegli” ed alcuni “eventi continuativi”. Ad esempio l’innovativa “camminate sonore”, ossia l’animazione della pista ciclo-pedonale Fs-Censer, dove dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18.30 i passanti saranno piacevolmente sorpresi dalle esibizioni degli artisti di strada.

La conferenza stampa del Festival Tensioni

Alle 11 e 30 di sabato è fissata l’apertura ufficiale con organizzatori, autorità e stampa in Sala Bisaglia. A seguire, è programmata la proiezione dei nove short-movies, reduci dalla Mostra del cinema di Venezia. Sono dedicati alla promozione dei territori di Rovigo e Padova e realizzati da Raffaella Rivi, docente di Video storytelling dell’Università Ca’ Foscari per il progetto ArtVision+. La Rivi sarà poi protagonista di un talk dal titolo “Camera con vista”, alle 19 e 15 in Sala Rigolin, sulla narrazione video delle relazioni umane e dei luoghi dove si svolgono.

La due giorni al Censer

Nella prima giornata grande spazio è dedicato alla musica. Un linguaggio universale e diretto per antonomasia, con quattro proposte sperimentali. Una performance alle 9 e trenta di Marta Loddo progetto Mumucs. La cantante sarda, viaggia a vista, tra rock e pop, raccontando le sue sensazioni con la voce e la loop station. Un concerto pomeridiano che combina recitazione ed effetti, alle 17, ingresso con biglietto. La band Mattatoio 5 insieme all’attore padovano Vasco Mirandola, nel live “A morsi”. Viaggio multimediale attraverso i testi di giovani poeti contemporanei, che raccontano il disagio dei tempi e disegnano una mappa di resistenza attiva fatta di dialogo, umanità e coraggio.

La Fabbrica dello zucchero che ospiterà il Festival tensioni

Infine, due concerti serali, sempre ad ingresso con biglietto. Alle 21 e 15, in Sala Bisaglia, la cantautrice Serena Brancale in “Vita d’artista”, che sul fil rouge tra pop e jazz senza schemi, impiega piccoli espedienti tecnologici per la creazione di veri e propri racconti cantati personalissimi. A fine serata, alle 22.30, la band polesana Romea si esibisce in “Live visual”. Un concerto “esperienziale”, dove la proiezione visiva accompagna gli stati d’animo di una terra di passaggio e di confine, come il Delta del Po tra Ravenna e Mestre, raccontati dalla musica trip-hop, hip-hop, jazz ed elettronica.

Fonte: FDZ. Foto: Remweb, FDZ.

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada. Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.
Festival Tensioni, al Censer due giorni di arte e riflessione ultima modifica: 2019-09-27T14:24:17+02:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top