Cosa Fare Cosa Fare Eventi Feste & Sagre Ottobre Rodigino Tradizioni Usi e Costumi

La 537° fiera di Ottobre ed eventi nell’ottobre rodigino.

La locandina della 537° Fiera Di Ottobre

Fra poco sarà il momento della 537° fiera di ottobre. Dal 19 al 22 ottobre le bancarelle allieteranno il centro città come ogni anno. E come ogni anno è l’evento più atteso dell’Ottobre Rodigino. Vado un po’ indietro nel tempo e con una punta di malinconia ricordo i giorni in cui la fiera partiva da Viale Tre Martiri con le giostre ed il profumo delle frittelle fritte. L’andirivieni del flusso di persone partiva da lì ed arrivava verso il centro città con piazza XX settembre che già pullulava di gente e bancarelle. Da qualche anno ormai le giostre sono state spostate al più “conveniente” Censer che senza dubbio lascia spazi alla città e meno traffico al centro.

La 537° Fiera d’Ottobre

537° fiera d’Ottobre. Già solo a pronunciarlo mette soggezione. Oltre cinque secoli di tradizione per una fiera che affonda le sue radici alla fine del 1400. L’edizione numero 537 si svolgerà dal 19 al 22 ottobre. La prima parte infatti dal 1482. Ovvero l’anno in cui Rovigo passò sotto il controllo della Serenissima. Da lì si arriva ad oggi. Fu per centinaia di anni una delle fiere più importanti del Veneto con la data che venne più volte spostata per favorire la città ma soprattutto i mercanti veneziani.

537° Fiera Di Ottobre

Nel 1525 venne fissata la data di inizio al 20 ottobre con una durata stimata in otto giorni. Le botteghe erano in mezzo alla piazza e sotto i portici. Il mercato di bovini e cavalli avveniva fuori Porta San Francesco (il terreno polesano, paludoso, favoriva l’allevamento di bovini e cavalli). Erano previste manifestazioni musicali che avvenivano al Teatro Lavezzo (oggi Teatro Sociale) e nel 1669 fu istituito il ”mercato franco”, dedicato al commercio di bestiame e che per molti anni si svolse l’ultimo martedì di ogni mese. Un martedì “franco”, libero cioè da dazi e gabelle (che gli espositori pagavano per gli spazi occupati). Da allora il “Marti Franco” è fissato per il primo martedì dopo il 20 ottobre e da diversi anni ormai è dedicato al caratteristico mercatino dei bambini.

L’omaggio al grande Maci

Tante le iniziative oltre la fiera, tutte vanno ad arricchire l’offerta dell’ottobre rodigino. Oltre alle coloratissime bancarelle, immancabili i Truck Food con le migliori specialità culinarie Italiane ed internazionali. E poi ancora, uno degli eventi più degni di nota che vuole rendere omaggio ad un grande sportivo e rodigino. La memoria per il grande “Maci”. Si celebra infatti quest’anno il centenario del grande MarioMaciBattaglini, il giocatore di rugby rodigino cui è anche dedicato lo stadio del Rugby Rovigo. Considerato all’unanimità fra i pionieri di questo sport. Tra le altre cose è tra i primi rugbisti italiani a giocare all’estero.

Maci Battaglini, celebrato durante la 537° Fiera Di Ottobre

In Francia, dove approda nella seconda metà del 1940 viene soprannominato Le Grand Batta. Viene ricordato, fra l’altro, per la sua grande precisione nei calci piazzati. Mitica la sua realizzazione di un piazzato da ben 63 metri di distanza. La città, con il Coni, il Panathlon e la collaborazione del Rugby Rovigo Delta, Fiamme Oro, Benetton Treviso, Petrarca Padova gli rende omaggio in una mostra documentaria e fotografica che approfondirà alcuni aspetti della carriera sportiva e della vita dell’amato e popolare “Maci“.

Foto: Polesinesport, CSVRovigo, ComuneRovigo.

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada. Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.
La 537° fiera di Ottobre ed eventi nell’ottobre rodigino. ultima modifica: 2019-10-16T09:50:07+01:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top