Cibo Curiositá Miti e Leggende Noi rodigini Personaggi Piazze Tradizioni Usi e Costumi

Dai banchetti del doge Valier a Villadose prende vita l’eccezionale Pan del Doge

Pan del Doge

C’era una volta un doge che amava rilassarsi a Villadose, soggiornando nella sua villa, in seguito conosciuta proprio come “il palazzo del Doge“. Più precisamente, la sua tenuta era il famoso palazzo Ca’ Patella, oggi sede del Municipio. Si mormora che venisse per distrarsi e non pensare, così, a ciò che stava accadendo in quel periodo storico. I suoi cuochi lo prendevano per la gola, viziandolo e coccolandolo con ogni sorta di delizia culinaria. E’ stato l’ultimo doge che soggiornò in paese prima della caduta della Serenissima, avvenuta nel 1797. Adorava specialmente una pagnotta che veniva preparata con tutti i prodotti che la zona offriva nel periodo invernale. Non è dato sapere se fu davvero lui ad inventare il dolce, in seguito riproposto da molte pasticcerie. Divenuto poi dessert tradizionale, soprattutto del periodo natalizio, si consuma in realtà durante tutto l’anno, anche per far colazione o a fine pasto.

Era usanza, almeno così sembra, che proprio il giorno di Natale le famiglia ne preparassero una “pagnotta” enorme, per poterla condividere oltre che con i parenti anche con tutti i vicini. Il passatempo preferito dei bambini era quello di trovare il maggior numero di chicchi d’uva passa al suo interno, per essere decretati vincitori di un periodo estremamente fortunato. Erano le ragazze a sognare maggiormente partecipando a questa sorta di gioco, fantasticando di trovare un meraviglioso fidanzato o uno straordinario marito entro l’anno.

Un po’ di storia

Caratteristico della nostra cucina, nato appunto nella provincia di Rovigo, viene ormai commercializzato in tutto il Nord. Deve il suo nome al doge Silvestro Valier, personaggio venerato dal popolo. Durante i suoi ricevimenti lo serviva ripieno di ogni sorta di leccornia, come la frutta secca, assieme a ottimo vino e a miele. Sono nate poi diverse varianti della versione originale, come quella con il cioccolato o con la marmellata.

La pazienza è il vero segreto per ottenere un perfetto pan del Doge (conosciuto anche come pagnotta del Doge). Infatti la preparazione necessita di due momenti ben distinti. Un pre-impasto in cui si lascia lievitare per ben 12 ore e a seguire, dopo aver incorporato la frutta, un’ulteriore lievitazione di altre 15, prima di passare alla fase di cottura. Una volta che la torta si è raffreddata viene immersa nel burro fuso e ricoperta completamente di zucchero.

Pan del Doge in chiave veloce

Pan del Doge
Foto da pagina Facebook Manuela Manu Manù

INGREDIENTI:
100 g uvetta sultanina;
rum;
200 g burro;
100 g zucchero;
3 cucchiaini di miele;
3 uova intere;
50 g noci tritate;
sale;
lievito;
250 g farina bianca;
80 g pinoli;
zucchero a velo.

PROCEDIMENTO:
Fate ammollare per almeno un’ora l’uvetta nel rum. Tritate grossolanamente le noci (qualcuno aggiunge anche nocciole e mandorle). Mettete a sciogliere il burro a bagnomaria. Con lo sbattitore mescolatelo bene con lo zucchero e il miele. Incorporate ora le uova, in modo da ottenere un composto spumoso. Addizionate l’uvetta ben strizzata (c’è chi preferisce usare, come da tradizione, i fichi secchi), le noci, un pizzico di sale, il lievito e la farina mediante un setaccio in modo da evitare i grumi. Cercate di ottenere un composto soffice. Imburrate ed infarinate una tortiere. Versate il tutto al suo interno e cospargete la superficie con i pinoli. Mettete in forno preriscaldato a 180º per almeno 40 minuti. La prova dello stuzzicadenti vi aiuterà a capire se il dolce è pronto. Una volta raffreddato, spennellatelo con del burro in modo da far ben aderire lo zucchero a velo. Potete guarnire il dessert con della marmellata o accompagnarlo con uno squisito bicchiere di Marsala.

Buon divertimento e buon appetito!

 

Foto copertina  sito gentedelfud.it

Sibilla Zambon

Autore: Sibilla Zambon

Rodigina, ingegnere informatico, appassionata di viaggi e tecnologia, mamma sprint e cuoca per diletto!

Dai banchetti del doge Valier a Villadose prende vita l’eccezionale Pan del Doge ultima modifica: 2018-10-15T11:06:54+00:00 da Sibilla Zambon

Commenti

To Top