Luoghi di interesse Rovigo da scoprire Storia Vicoli

Le strade porticate di Rovigo – Via Badaloni, la strada più antica della città

Via Badaloni
19523,19169,19142

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Via Badaloni, per me, rappresenta soprattutto ricordi. Dalle caraffe di spritz bevute da Davide, al Moby, ancora ai tempi in cui nel piccolo e storico locale si poteva fumare, all’Ostaria dei Bonfi con i buonissimi spuncioti. La via si estende, appena superata piazza Duomo, con il Palazzo Manfredini alla nostra destra. In angolo è visibile il liceo Celio da dove iniziano i portici. La via rappresenta il tratto interno alle mura dell’antica strada che portava ad Arquà ed a Ferrara. Per questo alcuni (come il Trainello) hanno motivo di credere che essa sia la più antica strada di Rovigo.

Quando la cinta muraria venne costruita, a protezione dell’ingresso in città venne eretta Porta Arquà. La porta sorgeva dove oggi Via Badaloni incrocia via Mure Seminario Vecchio. Questa strada venne interrotta nella seconda metà del secolo scorso quando venne costruito l’edificio che per anni è stato sede della Questura, demolendo quello che era stato, fino al 1794, il primo seminario della diocesi di Adria. Su via Badaloni non sorsero dimore signorili, probabilmente perchè le famiglie in vista decisero di concentrare le loro case padronali intorno alla Piazza Maggiore, pretendendo tuttavia, in linea di principio, che fosse riconosciuto il privilegio dalla parte di Santo Stefano.

L’Ospedale di Santa Maria della Misericordia

Via Badaloni

Un’altra interruzione fu conseguenza della ricostruzione dell’Ospedale di S. Maria della Misericordia, compiuta nel 1845. Il vecchio Ospedale di S. Maria della Misericordia era stato il primo ad essere costruito all’interno delle mura anche se è da credere (sempre secondo il Trainello) che esso non fosse il più antico di Rovigo. Se ne hanno tuttavia prove documentali fin dal 1283. La ricostruzione dell’Ospedale diede luogo alla demolizione della Porta Arquà, avvenuta nel 1847.

In via Badaloni, come abbiamo accennato, non sono presenti edifici di particolare rilievo anche se il carattere della strada risulta comunque ben definito. Sicuramente settecentesca è la casa subito dopo il portico ad Ovest, ci visse infatti Domenico Tosarini (1794-1884), violinista e musicista di pregio. Nel corso degli anni non si avvertì l’esigenza di “rinnovare” la via, tolta la costruzione del Liceo Classico “Celio”, nella parte della via confinante, come detto, con piazza Duomo. Nella strada rimane il corpo di fabbrica principale dell’Ospedale con il suo portale decorato. Sopra di esso, fino al 1983, pendeva una grande e bella lanterna di ferro battuto, trasferita in seguito presso il nuovo ospedale.

 

Fonte : Rovigo, ritratto di una città. Foto: ItRovigo, Alessandro Effe

 

Alessandro Effe

Autore: Alessandro Effe

Appassionato di nuove tecnologie cerco di aiutare le aziende a nascere e trovare la loro strada.
Amante della scrittura narrativa e lettore vorace. Un amore smisurato per la boxe ed il running.

Le strade porticate di Rovigo – Via Badaloni, la strada più antica della città ultima modifica: 2018-09-12T11:52:30+00:00 da Alessandro Effe

Commenti

To Top